Tuesday, 31 January 2012

Samnite Tombs Vandalized

A few days ago, vandals destroyed some Samnite tombs at Santa Maria Capua Vetere. I first saw the news on Rogue Classicism, but there are plenty of other newspaper stories about it. Very depressing.

Saturday, 28 January 2012

Herculaneum paper on heritage values

The proceedings of the 2008 Herity conference on 'Measuring the value of material Cultural Heritage' have just been published. The publication includes the paper 'Separated from heritage: local community perceptions of Herculaneum’s values' by Sarah Court (Herculaneum Conservation Project) and Christian Biggi (Herculaneum Centre).
If anyone is interested in getting a copy, please write to hcp[at]herculaneum.org.

Friday, 27 January 2012

Call for papers: Public and Private in the Roman House and Society

Call for Papers: Public and Private in the Roman House and Society, October 12-13, 2012 New York University Classics Dept.

Abstract deadline: April 15, 2012 E-mail: romanhouse2012@gmail.com
Roman houses were designed to suit both the private life of its occupants and the demands of public life. As a result, the division between public and private spaces inside the domus was a complicated topic even for the Romans themselves. Previous scholarship has tended to treat the domus in terms of a rigid division between public and private, with the same division acting as a gender marker for (male) political activities and (female) domestic activities respectively. This strict division within the household now seems outdated. The aim of this workshop, then, is to take a fresh look at notions of public and private within the domus by exploring the public and private spheres of the Roman house from the first century BCE to the third century CE.

We therefore invite papers that explore the complex relationship between public and private in Roman society from a variety of perspectives – historical, archaeological, philological, architectural and anthropological – in order to further the understanding of the domus as a place for social, cultural, political and administrative action.

Potential themes include but are not limited to:

* private spaces as political and cultural arenas

* the person and the house of the citizen and magistrate

* trials and administration within the private Roman house

* the public and private nature of the emperor and the early imperial administration

The workshop is organized by the project Public and Private in the Roman House, which seeks to contribute to the ongoing debate on privacy in the ancient world as well as the issues of how the limits between public and private spaces were drawn. In an attempt to gain new perspectives on these questions, the project seeks to utilize comparative anthropological theories concerning the conceptualization of the public/private interface.

Please submit your abstract (300 words) as a [word/pdf] file to Kaius Tuori to romanhouse2012@gmail.com Please include your name, academic affiliation and address in your email.

The deadline for submission of abstracts is April 15, 2012.

Exhibition: Goddess of Love and Beauty Takes Center Stage

From BUToday:
Goddess of Love and Beauty Takes Center Stage
MFA show first ever devoted to Aphrodite

Valentine’s Day may be more than a month away, but a new exhibition at the Museum of Fine Arts is already celebrating the goddess of love and desire, Aphrodite.

Aphrodite and the Gods of Love is billed as “the first ever exhibition dedicated entirely to the goddess” who was known as Aphrodite to the ancient Greeks and Venus to the ancient Romans. Drawing on more than 150 objects culled from its own impressive collection of Greek and Roman classical antiquities, most notably, Head of Aphrodite (Bartlett Head), from 330-300 BC, the MFA show also features 13 pieces on loan, most from Rome and Naples and most never before on view in the United States.
 Read the full story here.

Quiz: Would you have survived the eruption of Vesuvius in AD 79?

A piece of fun from the Discovery Channel:

Wednesday, 25 January 2012

News article: Rubati due reperti romani dagli scavi di Oplontis

From Campaniasuweb:
Rubati due reperti romani dagli scavi di Oplontis
Si tratta di un’anforetta e di un candelabro conservati nel deposito della villa di Poppea. Il responsabile dell’Osservatorio patrimonio culturale Irlando: «Statue e oggetti in marmo sono ammassati in un piccolo magazzino, non visibili al pubblico ed esposti a rischi gravissimi»
Read the full story here.

Stefano De Caro new director of ICCROM

From ICCROM News:
Entrée en fonction du nouveau Directeur général

9 janvier. Stefano De Caro a été élu Directeur général de l’ICCROM lors de la 27ème Assemblée générale de l’organisation, tenue en novembre 2011. Cette nomination s’inscrit dans la continuité de sa longue carrière d’archéologue, d’auteur, de conférencier et de professeur au sein de diverses universités italiennes, et d’ancien Directeur général des Antiquités au Ministère italien des Biens et des Activités culturels (MiBAC).

More here (english version there)

Press release: Possible closure of Pompeii scavi tomorrow morning

Scavi di Pompei

Giovedì 26 gennaio, assemblea sindacale
Rischio chiusura dalle 8.30 alle 10.30

La Soprintendenza Speciale per i Beni archeologici di Napoli e Pompei comunica che, a causa della convocazione di un’assemblea sindacale indetta dalla O.S. FLP, potrebbero verificarsi disagi nell’apertura gli Scavi di Pompei dalle ore 8.30 alle ore 10.30 del giorno giovedì 26 gennaio 2012.

Pompei, 25 gennaio 2012

Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei
Via Villa dei Misteri, 2
80045 Pompei NA
Tel. 081.8575220
Fax 081.8575234

£1000 for studying Herculaneum

Are you at university and would like a thousand pounds to pursue research at Herculaneum? Then you have until the end of the month to apply to the Herculaneum Centre. For more info, see this previous post.

Tuesday, 24 January 2012

Projects in Pompeii

For those who can't get hold of a copy of Current World Archaeology to read the Pompeii article, I thought it might be of interest to provide links to the projects we mention. This is by no means an exhaustive list of the people and institutions working in the Vesuvian sites but may offer a taste of the range of research that is taking place.
I think it's also interesting to note the change from the big projects of the 1990s where the Soprintendenza assigned an insula to a university or foreign academy who studied the standing structures and dug down to the pre-79 levels - instead there is a more heterogenous range of approaches that are perhaps less invasive and making more use of existing material, rather than big excavation campaigns. There are pros and cons to this shift - anyone have any thoughts about this?

Oplontis Project
Apolline Project
Sarno-Becken Project
Pompeii Archaeological Research Project: Porta Stabia
Via dell’Abbondanza Project
Herculaneum Conservation Project
Vesuviana Project
Archaeological Superintendency of Naples and Pompeii

Pompeii in Current World Archaeology

As you know from the previous post, Sarah and I have an article in the new edition of Current World Archaeology, entitled 'What's new in Pompeii.' It's not about what's 'new' in the sense of 'new discoveries', it's about new approaches to studying Pompeii and its neighbours that have been informed by the current conservation problems at the site. The main idea is to highlight how scholars working at sites in the Bay of Naples are trying to record evidence before it disappears, to examine old evidence in new ways, to record and preserve lesser known sites, and to engage the local community in their efforts. It is intended to be an up-beat piece that features some of the positive initiatives taking place on site.

Obviously we were only able to cover a few projects, and our text was also cut by the CWA editors (if anyone wants to see the original piece before the cuts, they should email me). But the publication of the article is a good opportunity to start a wider discussion about conservation and archaeology. We'd like to hear your thoughts about how conservation issues have influenced your work, or about approaches you think could be successfully adopted by others. What are you doing that others could learn from? Or what do you want to know about the way the others are working on site or in the archives? How do you see the relationship between archaeology and conservation? And what do you think the future holds for Pompeii and the other sites?

Sarah and I would welcome any thoughts, observations or comments, and we hope that as many of you as possible will take part in this discussion.

P.S. I'm sure I'm not the only one who finds it hard to imagine Sarah as a sidekick!

Monday, 23 January 2012

Pompeii in Current World Archaeology

Look out for the latest edition of Current World Archaeology - the main feature is on recent activity in Pompeii by Blogging Pompeii's very own Joanne Berry and her faithful Herculaneum sidekick, Sarah Court!

Fasti Online: Restaurant and wine production (V 4, 6-8); House V 3, 10

About the so-called "thermopolium" V 4, 6-8, excavated by Ca'Foscari University:
  • L’allestimento degli spazi interni (tre ampi vani quadrangolari comunicanti tra loro – 1, 2, 3 -, replicati da una seconda fila di ambienti paralleli – A, B, C – ) si adatta alla natura commerciale dell’edificio. Tale articolazione risponde probabilmente allo scopo di ricavare un settore riservato ai clienti, sviluppato anche in un vano superiore (raggiungibile dall’ ambulacrum B). Come in altri edifici sulla via di Nola, la presenza di catene litiche e blocchi di calcare del Sarno – tracce di un antico apprestamento in opera a telaio – è da attribuire alla prima lottizzazione dell’ insula V,4 all’inizio della seconda età sannitica. Un accesso dal vicolo dei Gladiatori (8) è stato ricavato nella fase post 62 d.C. e immette nella zona produttiva. La pars postica è incentrata sugli ambienti di produzione e di stoccaggio di cibi e bevande (more here ; more on this workshop in MEFRA, 120, 1, 2008, p. 236-241, available on Torrossa.it).
About house V 3, 10, also excavated by Ca' Foscari University:
  • La costruzione dell’edificio prende avvio all’inizio del II sec. a.C. su un terreno non ancora interamente occupato. La fase II (prima metà II sec. a.C.) vede la costruzione dei perimetrali e di alcuni ambienti in opus incertum in calcare, talvolta con l’inserimento di lava. La casa risulta divisa in una parte di rappresentanza con atrio (A) e tablino (H+M) e in una parte privata con gli ambienti occidentali (O ed I+L) e meridionali (G+E+F e N). Non si può dire se fosse già presente un piano superiore. Gli interventi della fase III (fine II sec. a.C.), utilizzando prevalentemente lava, preannunciano l’inizio di un processo di contrazione della superficie planimetrica. Nella fase IV (I sec. a.C.) vengono innalzate o ristrutturate strutture con materiali e tecniche differenti, cambiati i percorsi interni, modificate le funzioni di alcuni ambienti e apportata una decorazione parietale e pavimentale di secondo Stile. Dalla divisione del precedente tablino H+M si creano: un nuovo tablino/corridoio H, l’apotheca M e l’ambulacrum L porticato (aperto sul viridarium I e sul triclinio N). Nella zona meridionale il grande vano G+E+F viene diviso in anticamera (G) e cucina (E+F) (more here).

Digital editions from L'Erma di Bretschneider

The latest L'Erma di Bretschneider catalogue is out, with news that all its titles are to be made available (eventually) as digital editions:

«L’ERMA» diventa anche digitale
Ci siamo finalmente decisi al grande passo richiesto dai tempi.
Con uno sforzo notevole della casa editrice nel corso del 2012 verrà iniziata la digitalizzazione di tutto il catalogo editoriale.
Abbiamo scelto di partire con i volumi esauriti / out of print: quelli che nel corso degli anni hanno ottenuto il maggior successo di vendita. Sono ca. 500 volumi, stampati nel corso di oltre un secolo di vita della casa editrice già disponibili in Digital Edition con sistema di ricerca full text.
Oltre a rimettere a disposizione di studiosi, studenti e ricercatori un’enorme banca dati di informazioni scientifiche altrimenti irreperibili sul mercato editoriale, la scelta della digitalizzazione consente di garantire un prezzo di copertina più basso rispetto ad una ristampa su carta.
Speriamo quindi con questa scelta di venire incontro alle esigenze dei nostri lettori, per non fermare la diffusione del sapere e della ricerca scientifica.
«L’ERMA» becomes “digital”, too.

At last we have decided on the great step ahead the times call for.
Our publishing house is launching out on a great endeavour, and the year 2012 will see digitalisation extending to our entire catalogue of publications.
We have decided to begin with the publications sold out/out of print – those that have proved bestsellers over the years. They amount approximately 500 volumes, printed throughout something over a century in the life of the publishing house and already available in Digital Edition with the full text search system.
Besides making available to readers (scholars, students and researchers) once again an enormous database of scientific information otherwise impossible to find in the publishing market, the choice of digitalisation also means that editions can be supplied at a lower price than reprints on paper.
Roberto Marcucci
L’Erma di Bretschneider
roberto.marcucci@lerma.it Rome, december 2011
Some digital editions already available are:

Bonghi Jovino Maria, Ricerche a Pompei. Tomo I,1. L’Insula 5 della Regio VI dalle origini al 79 d.C. Digital Edition € 169,00
Bonghi Jovino Maria, Ricerche a Pompei.Tomo I,2. L’Insula 5 della Regio VI dalle origini al 79 d.C. Digital Edition € 73,00
Rediscovering Pompeii. Exhibition by IBM-Italia.New York 1990, 12 July-15 Sept. IBM Gallery of Science & Art.-Houston 1990-91, 11 Nov.-27 Jan.Museum of Fine Arts. (CM Erma 15), 1990. Digital Edition € 114,00
Pompeis.Panem Gustas. Pompeji till bords. Varone Antonio (Ed.) (CM Erma 45), 2008. In Swedish language. Digital Edition € 68,00
Rivista di Studi Pompeiani. 1/1987. (RISPO 01), 1987. Digital Edition € 92,00
Rivista di Studi Pompeiani. 5/1991-1992. (RISPO 05), 1994, 250 p. Digital Edition € 100,00
Wojcik Maria Rita, Villa dei Papiri ad Ercolano (La). (MONSAP 1), 1986. Digital Edition € 186,00
Archeologia e Botanica. Atti del Convegno di Studi sul contributo della botanica alla conoscenza e alla conservazione delle aree archeologiche vesuviane. Pompei 1989, 7-9 aprile. Mastroroberto M. (Ed.) (MONSAP 2), 1990. Digital Edition € 48,00
Koloski Ostrow Ann, Sarno Bath Complex (The). (MONSAP 4), 1990. Digital Edition € 54,00
Ioppolo Giovanni, Terme del Sarno a Pompei (Le). Iter di un’analisi per la conoscenza, il restauro e la protezione sismica del monumento. (MONSAP 5), 1992. Digital Edition € 77,00
Pitture erotiche delle Terme Suburbane di Pompei (Le). (MONSAP 10), 1995. Digital Edition € 59,00
Pesando Fabrizio, Domus. Edilizia privata e società pompeiana fra III e I sec. a.C. (MONSAP 12), 1997. Digital Edition € 157,00
Pesando Fabrizio, Domus. Edilizia privata e società pompeiana fra III e I sec. a.C. (MONSAP 12), 1997. Digital Edition € 163,00
Pagano Mario, Diari di scavo di Pompei,Ercolano e Stabiae (I). Di Francesco e Pietro La Vega (1764-1810. Raccolta e studio di documenti inediti. (MONSAP 13), 1997. Digital Edition € 76,00
Pagano Mario, Diari di scavo di Pompei,Ercolano e Stabiae di Francesco e Pietro La Vega
(1764-1810) (I). Raccolta e studio di documenti inediti. (MONSAP 13), 1997. Digital Edition € 80,00
Scatozza Hoericht Lucia Amalia, Vetri Romani di Ercolano (I). (CATSAP 1),1995. Digital Edition € 52,00
Conticello De’ Spagnolis Marisa,De Carolis Ernesto, Lucerne di bronzo di Ercolano e Pompei (Le). (CATSAP 2), 1988. Digital Edition € 104,00
D’Ambrosio Antonio, Borriello Mariarosaria, Terrecotte figurate di Pompei (Le). (CATSAP 4), 1990. Digital Edition € 64,00
Tassinari Suzanne, Vasellame bronzeo di Pompei (Il). Vol. I + Vol. II (CATSAP 5), 1993. Digital Edition € 412,00
Monili dall’area Vesuviana (I). Catalogo generale dei gioielli di Stabia, Ercolano
e Pompei. D’Ambrosio Antonio, De Carolis Ernesto (Edd.) (CATSAP 6), 1997. Digital Edition € 98,00
Monili dall’area Vesuviana (I). Catalogo generale dei gioielli di Stabia, Ercolano
e Pompei. D’Ambrosio Antonio, De Carolis Ernesto (Edd.) (CATSAP 6), 1997. Digital Edition € 80,00
Homo Faber. Studies on Nature, Technology, and Science at the Time of Pompeii.
Castagnetti Giuseppe, Renn Juergen (Edd.) (SSAP 6), 2002. Digital Edition € 76,00
D’Alconzo Paola, Picturae excisae. Conservazione e restauro dei dipinti ercolanesi
e pompeiani tra XVIII e XIX secolo. (SSAP 8), 2002. Digital Edition € 60,00
Zevi Fausto, Casa Reg.IX.5, 18-21 a Pompei e le sue pitture (La). (SM 5), 1964. Digital Edition € 40,00
Varone Antonio, Erotica Pompeiana. Love Inscriptions on theWalls of Pompeii.
Berg R. (Ed.) (SA 116), 2002. Digital Edition € 89,00

There is also a new book (not digital) on Poggiomarino:

Poggiomarino (Studi della Soprintendenza Archeologica di Pompei, 32) Caterina Cicirelli, Claude Albore Livadie (edd.) 2012, 2 Tomi, ISBN 978-88-8265-628-7 [12470] € 285,00

Sunday, 22 January 2012

News article: Pozzuoli. Il degrado inarrestabile del patrimonio archeologico

Pozzuoli. Il degrado inarrestabile del patrimonio archeologico
Dopo la chiusura dell’Antro della Sibilla, in seguito alla caduta di alcune pietre al suo interno avvenuta pochi giorni fa, il giornalista Angelo Greco ha lanciato un grido d’allarme sullo stato in cui versano le testimonianze archeologiche di Pozzuoli, il cui degrado ha raggiunto il suo puntò più basso negli ultimi tempi, malgrado siano stati effettuati lavori di recupero e valorizzazione. Benché Pozzuoli possegga un patrimonio archeologico invidiabile e sul suo territorio si trovino siti di importanza mondiale, che valorizzati offrirebbero nuove opportunità culturali, economiche e sociali per la città, “all’Anfiteatro Flavio pare ci siano problemi di personale che ne pregiudicano la visitabilità; il Tempio di Serapide è invece sempre più ridotto a stagno; lo Stadio Antonino Pio rimane ancora chiuso; e al Rione Terra i lavori sono fermi”, afferma Greco.

Nel suo articolo, il giornalista prosegue con l’elencazione dei “mali culturali” che stanno affliggendo Pozzuoli. L’ultima notizia, come accennavamo sopra, è la chiusura dell’Antro della Sibilla per il crollo di alcune pietre in tufo dalla volta interna, che trasforma “uno dei simboli del Parco Archeologico di Cuma (…) nel testimonial della scarsa manutenzione di tutto il prezioso archeologico di Cuma”. Mentre l’anfiteatro Flavio difetta di personale e l’organizzazione delle visite diventa sempre più complicata; inoltre, spazi del genere “in città come Taormina e Verona sono scenari di splendidi concerti ed eventi culturali, a Pozzuoli invece si è assistito solo a qualche sporadico evento senza alcuna sequenza logica”.
Read the full story here.


News article: Poggiomarino (Na). Lo scavo del villaggio di Longola verrà ricoperto

Poggiomarino (Na). Lo scavo del villaggio di Longola verrà ricoperto
La Soprintendenza per i Beni archeologici di Napoli e Pompei ha annunciato in una nota, seguita alla conferenza appena svoltasi a Poggiomarino, in provincia di Napoli, la conclusione nel mese di dicembre 2011 degli scavi archeologici avviati in località Longola, nell’ambito di un Progetto che si propone di risistemare la zona circostante, attraverso la realizzazione di depositi archeologici e di attività di valorizzazione. Nel sito di Longola sono emersi i resti di un insediamento databile all’età del Bronzo, che si estende per oltre sette ettari e conservatori sotto a una falda d’acqua a quattro metri di profondità.

Le singolari caratteristiche dell’insediamento protostorico, costituito da costruzioni in legno di facile deperibilità, nonché il livello della falda, che necessita un continuo utilizzo di pompe idrauliche che consentano le operazione, sono alla base della decisione di ricoprire la zona scavata. Tale opzioni è, momentaneamente, la sola che può assicurare la tutela delle importanti testimonianze archeologiche.

Questa scelta non comprometterà in alcun modo la valorizzazione dell’area, della quale, per ora, gli scavi hanno esplorato solo una piccola porzione. La Soprintendenza ha confermato il proprio impegno per il futuro, in stretta collaborazione co n l’Amministrazione locale e la Regione, a mettere in opera quanto dovuto per costruire un percorso di valorizzazione che miri alla realizzazione di un Parco di archeologia sperimentale.

Friday, 20 January 2012

News article: Italy: Crumbling Pompeii risks United Nations downgrade

From Adnkronos:
Italy: Crumbling Pompeii risks United Nations downgrade
Rome, 20 Jan. (AKI) - Pompeii risks being losing a prestigious status in favour of being branded "at risk" if Italy doesn't cut through some of its bureaucratic red tape and immediately start work to restore the crumbling 2,000 year old site, according to Giovanni Puglisi, a United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization official.

"The funds are there. The work sites have to open. Enough of playing around with bureaucracy," said Giovanni Puglisi, president of the Italian national commission for UNESCO, in an interview with Adnkronos. "Otherwise, there is the possibility that UNESCO will withdraw it from the "Patrimony of Humanity" list and assign it "at risk" status.

Pompeii, the world's largest archeological site, has suffered a number of high-profile collapses as heavy rain causes walls from the ancient structures to crumble.

A 2010 collapse of a portion of the House of the Gladiators last November led to Sandro Bondi's resignation as culture minister. Former prime minister Silvio Berlusconi's government was accused by critics of starving culture of needed funds as the country implemented austerity measures to save tens-of-billions of euros to put its financial house in order.
Read the full article here.

Cronache Ercolanesi 41/2011

The latest Cronache Ercolanesi is out:
Cronache Ercolanesi 41/2011

JAN ERIK HEßLER Proposte sulla data di composizione e il destinatario dell’Epistola a Meneceo  
HOLGER ESSLER Eine Auslegung Epikurs theologischer Schriften  
GIANLUCA DEL MASTRO PHerc. 1416, cr 5: tre pezzi del papiro Sul tempo (PHerc. 1413)   
GEERT ROSKAM Reading fables in Epicurus’ Garden. On Metrodorus, fr. 60 K. 
ANTONIO PARISI Le citazioni poetiche nei papiri ercolanesi: tre citazioni euripidee nei papiri di Demetrio Lacone
FRANCESCO VERDE Minimi in movimento? Note sulle coll. XLVIII-L Puglia del PHerc. 1012 (De­metrii Laconis Opus incertum)
JEFFREY FISH On Orderly Symposia in Homer: A New Reconstruction of De bono rege (PHerc. 1507), col. 19 
GRAZIANO ARRIGHETTI La mimesis nel Περὶ ποιημάτων di Filodemo e Aristotele 
ALDO BRANCACCI Antistene e Socrate in una testimonianza di Filodemo (T 17 Acosta Méndez-An­geli) 
ANNICK MONET Heurts (sic) et bonheurs de la colonne N du PHerc.Paris. 2 
DAVID ARMSTRONG - JOSEPH A. PONCZOCH [Philodemus] On Wealth (PHerc. 1570 Cols. VI-XX, Pcc. 4-6a): New Fragments of Empedocles, Menander, and Epicurus 
MICHAEL ERLER Leben wie im Leichentuch. Anmerkung zu Phld., De morte, col. 38, 16 Henry 
DANIEL DELATTRE Philodème, La Mort IV: suppléments à l’édition de W.B. Henry 
GIOVANNI MANETTI - DANIELA FAUSTI La sezione di Bromio del De signis: il dibattito sulla vaghezza del concetto di similarità 
MARGHERITA ERBÌ La retorica nell’Epicureismo: una riflessione 
FRANCESCA ALESSE Τεκνοποιία e amore parentale in Epicuro e nell’Epicureismo 
DINO DE SANCTIS Ὦ φίλτατε: il destinatario nelle opere del Giardino 
KNUT KLEVE The Enigma of Lucretius 
MARTIN FERGUSON SMITH Diogenes of Oinoanda: News and Notes V (2010) 
FRANCESCA LONGO AURICCHIO Documenti del Fondo Vogliano di Na­poli 
ANDRÉS MARTÍN SABATER BELTRÁ Los Papiros de Herculano en la España de finales del siglo XVIII y comienzos del XIX 
GIULIANA LEONE Una nuova traduzione dell’Epistola a Erodoto di Epicuro 
GIOVANNI INDELLI Due nuove pubblicazioni sull’Epicureismo 
GRAZIANO ARRIGHETTI - MICHAEL ERLER I Miscellanea Papyrologica Herculanen­sia 
GIROLAMO F. DE SIMONE Con Dioniso fra i vigneti del vaporifero Vesuvio
Note the paper by Ferdinando De Simone on Dionysus and Vesuvius - Ferdinando is happy to send a PDF of it to anyone who want it. Just email him directly at desimonegf@gmail.com

Newspaper article: Capri, Villa Iovis chiude fino a marzo Il sito archeologico dell'isola azzurra, dimora di Tiberio, «necessita lavori di restauro e manutenzione»

In case anyone was planning to visit the Villa Iovis in the near future ... Love that site. From Corriere del Mezzogiorno:
Capri, Villa Iovis chiude fino a marzo
Il sito archeologico dell'isola azzurra, dimora di Tiberio, «necessita lavori di restauro e manutenzione»

NAPOLI - Chiudono a Capri gli scavi archeologici di Villa Jovis. La visita ai resti della villa imperiale di Tiberio sarà vietata ai visitatori che scelgono l'isola per le vacanze in bassa stagione a partire da domani sino al 31 marzo.

La motivazione ufficiale è che lo storico complesso che vide i fasti dell'Impero di Tiberio per oltre 10 anni necessita di lavori di restauro e manutenzione. L'annuncio è stato dato dalla Sovrintendenza ai Beni Archeologici che lo ha comunicato agli uffici competenti del Comune. Resteranno quindi chiusi i cancelli per oltre due mesi, dopo la drastica riduzione dovuta ai tagli che aveva portato i giorni di visita dal giovedì al lunedì dalle 10 alle 16. L'annunciata chiusura per lavori ha fatto sorgere polemiche e non pochi dubbi, anche perchè restano ancora chiusi gli scavi di Villa Damecuta, la dimora imperiale di Tiberio ad Anacapri.

Photo: volcanic bomb

I am loving the photos being posted on Twitter by the Apolline Project! Here is a volcanic bomb. I'll be using this one in class!

Pompeian wall-paintings to be exhibited in Taiwan

From Focus Taiwan:
Rare frescos from the Louvre to be exhibited in Taiwan
Taipei, Jan. 19 (CNA) A rare collection of fresco wall paintings from the Louvre will be among 100 works from seven French museums that will go on display in Taipei from Saturday, the National Palace Museum (NPM) said Thursday.

The exhibition, titled "Western Mythology and Legends: Selected Works from the Louvre Collection," will feature ancient Greek pottery, frescoes from the ancient city of Pompeii, and 16th to 19th century paintings and sculptures, NMP officials said at a press conference.

"It is the first time that the set of nine frescoes depicting Apollo and the Muses from Pompeii will be exhibited in Taiwan," said NPM Director Chou Kung-shin.

Frescoes are valuable because they are difficult to preserve, said Chou. The set of nine works has the highest insurance value of all the objects on loan, which total NT$3.3 billion (US$110.35 million) in insurance value.

The frescoes, dating back to the first century, were unearthed in Pompeii in 1755 and were given as a diplomatic gift by Ferdinand IV of Naples to Napoleon I of France, who later gave them to his wife Empress Josephine. 

Read the full article here.

Exhibition: Antichità da Ercolano

Also from Gaby Grosse, a press release about the current Herculaneum exhibition in St Petersburg.
Antichità da Ercolano
16 Dicembre 2011 - 12 Febbraio 2012
Museo dell’Ermitage, San Pietroburgo

La mostra, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, l’Ambasciata d’Italia a Mosca, Consolato Generale d’Italia a San Pietroburgo e il Museo Ermitage, è curata da Stefano De Caro Direttore Generale onorario delle Antichità per il Ministero dei Beni Culturali italiano e resa possibile grazie al generoso sostegno di Enel, Finmeccanica, Poste e Terna.

Una prestigiosa selezione di marmi, statue, affreschi, rilievi, a ricostruire una grandiosa basilica augustea scavata ad Ercolano e mai vista prima fuori dall’Italia, riuniti al Museo Ermitage, per celebrare gli scambi culturali dell’Anno della Cultura e della Lingua italiana in Russia e dell’Anno della Cultura e della Lingua russa in Italia.

Antichità da Ercolano è la mostra che inaugurerà i nuovi spazi dell’Ermitage, il General Staff Building, recentemente restaurato come nuova sede espositiva del museo russo, che sarà anche la nuova sede delle più famose tele degli impressionisti e post-impressionisti dei collezionisti Sergei Ščukin e Ivan Morozov.

Blog post: Les derniers jours de Pompei: la fermeture de 13 villas

Thanks to Gaby Grosse for sending me the link to this blog post on the website of Le Monde:

Les derniers jours de Pompei: la fermeture de 13 villas
En ce début de janvier, la lecture du journal local "Il Matino" m'apprenait la décision de fermer 13 des plus belles et suggestives villas de Pompei, la célèbre cité ensevelie par les cendres du Vesuve le 24 août 79 . Cette décision découle du fait que l'administration du site ne dispose plus de moyens financiers pour assurer leur entretien et le personnel nécessaire pour les maintenir ouvertes. Cette annonce officialise une fermeture de fait que j'avais pu constater la veille.

Read the full post here.

Thursday, 19 January 2012

News article: Poggiomarino - Longola, ''si alla valorizzazione che porti alla creazione di un Parco di archeologia sperimentale''

From Stabiachannel.it:
Poggiomarino - Longola, ''si alla valorizzazione che porti alla creazione di un Parco di archeologia sperimentale''

Nella conferenza dei servizi di questa mattina, la Soprintendenza Speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei ha dato ampie rassicurazioni sul futuro del sito.

Si è tenuta questa mattina, presso il comune di Poggiomarino, la conferenza dei servizi riguardante l'area archeologia di Longola. Nell'occasione, la Soprintendenza Speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei ha precisato che "nel mese di dicembre 2011 si sono concluse le indagini archeologiche avviate in loc. Longola nell'ambito di un Progetto finalizzato allo scavo archeologico e alla risistemazione dell'area circostante, da destinare alla realizzazione di depositi archeologici e ad attività di valorizzazione".

"Le particolari caratteristiche del villaggio protostorico - hanno spiegato - , costituito da strutture lignee facilmente deperibili, nonché il livello della falda, che richiede un uso continuo di pompe idrauliche per poter operare, sono alla base della scelta di procedere alla ricopertura delle aree scavate; tale scelta è, al momento, l'unica che può garantire la salvaguardia delle importanti evidenze archeologiche. Tale attività, al momento temporaneamente sospesa, non pregiudicherà in alcun modo la valorizzazione del sito, del quale finora lo scavo ha esplorato soltanto un piccolo settore".

Per il futuro, la Soprintendenza ha confermato il proprio impegno, in stretta sinergia con la Regione e l'Amministrazione locale, a mettere in atto quanto necessario per determinare un percorso di valorizzazione che porti alla creazione di un Parco di archeologia sperimentale, attraverso il reperimento di risorse a ciò destinate.
See photos of the site here.

Tuesday, 17 January 2012

Conference on the Economy of Pompeii

The Oxford Roman Economy Project, in collaboration with the Network on Structural Determinants of Economic Performance in the Roman World (Flanders Research Foundation), organizes a two day conference on the Economy of Pompeii in Oxford, on June 29-30, 2012. This conference brings together Pompeii specialists and leading economic historians of the Roman world to explore what Pompeii’s unique remains have to offer to the larger debates about structure and scale in the Roman economy. In doing so, the conference will foster debate contributing to both our understanding of Pompeii and that of the Roman economy.

Confirmed speakers include, at the moment of writing: Wim Broeckaert (Gent), Steven Ellis (Cincinnati), Miko Flohr (Oxford), Richard Hobbs (British Museum), Willem Jongman (Groningen), Damian Robinson (Oxford), Erica Rowan (Oxford), Ferdinando de Simone (Oxford), Koen Verboven (Gent), and Andrew Wilson (Oxford).
More information can be found on the OXREP Website.

Monday, 16 January 2012

Image: AD 472 eruption of Vesuvius

Saw this on the Apolline Project Twitter feed and decided to share!

AD 472 eruption of Vesuvius - the rain of ashes over Constantinople (from the Menologium Graecorum)

Vidéo : Pompéi à l’honneur au musée Maillol

For those interested in the current exhibition at the Malliol, there's a video of it and interview with  the curator on the National Geographic France website:
Vidéo : Pompéi à l’honneur au musée Maillol
Vous avez déjà pu découvrir dans le numéro de janvier du National Geographic  un reportage consacré à “l’affaire Méandre : morts mystérieuses à Pompéi“. Si vous souhaitez prolonger le voyage, le musée Maillol accueille jusqu’au 12 février 2012 une exposition reconstituant une maison pompéienne typique.
Au-delà des monuments publics de l’Empire romain, théâtres, thermes et temples, ce sont sont les résidences privées qui sont à l’honneur. Cette exposition s’attache à montrer la modernité des habitations. Elles possédaient déjà, l’eau courante, le chauffage central et le tout-à-l’égout. Vous pourrez aussi découvrir les pièces traditionnelles telles que : l’atrium, le balneum, le venereum ou encore le péristyle autour du jardin.
Laissez-vous guider par Patrizia Nitti la directrice artistique du musée Maillol.

Interview: Roberto Cecchi: "Per Pompei e il Colosseo, avanti tutta"

From the MiBAC website, a link to an interview with Roberto Cecchi:
Uomo di poche parole, Roberto Cecchi. E di molti fatti. Sono passati trent'anni dal primo incarico come funzionario a Milano. Il balzo nel '97, soprintendente a Venezia, quindi commissario straordinario per le areee archeologiche di Roma e Ostia e poi direttore generale; 15 giorni fa la nomina a sottosegretario ai Beni culturali con il neo ministro Ornaghi. Di tipicamente fiorentino - l'architetto Roberto Cecchi è nato sulle rive dell'Arno 62 anni fa - ha conservato quell'aria distaccata capace di sciogliersi in divertita complicità davanti ai progetti veramente importanti.
Roberto Cecchi: "Per Pompei e il Colosseo, avanti tutta"

Saturday, 14 January 2012

pompeiiinpictures: New in January 2012

During 2011 pompeiiinpictures.com underwent considerable change and some features have changed. We now have a more modern black and white look which shows the pictures better. The "previous", "next", "up" buttons are replaced by extra ribbons of links. pompeiiinpictures.org is still in the old format, white and blue, with the previous and next buttons.

A new Help page explains the new looks (all site content is the same)

A new Contacts page includes an option to send us pictures via Dropbox.

Insula I.3 has undergone a complete update thanks to new pictures from Drew Baker.

VIII.7.22, VIII.7.23 and VIII.7.24 have been further updated thanks to new photos from Sera Baker.

Fondo Pacifico tombs have been enhanced thanks to photos from Peter Gurney.

200 other updated pages have been updated, thanks to photos from Rick Bauer, which include:

- new cremations and wall inscriptions between the Porta Sarno and the Porta Nola.

- new altar at VI.8.24.

100 more pages have also been updated.

The New page shows everything that has been updated

Keep watching for the new pages of the Villa San Marco: Coming soon.

Jackie and Bob at pompeiiinpictures

Friday, 13 January 2012

News article: Poggiomarino (Na). Un appello per salvare il sito archeologico di Longola

More on the Longola excavations in ArcheoRivista:
Poggiomarino (Na). Un appello per salvare il sito archeologico di Longola

È allarmante la situazione di Longola, sito archeologico che benché continui a restituire testimonianze di eccezionale valore, si è deciso imparzialmente e inopportunamente di abbandonare. La conservazione, la salvaguardia e la valorizzazione dei Beni cultuali dovrebbero essere condotte nell’interesse culturale, scientifico e anche economico non solo di pochi studiosi, ma di tutta la collettività. Per questo motivo, il Gruppo Archeologico “Terramare 3000”, insieme all’Associazione Regionale “Amici del Sarno”, all’Associazione “La Sveglia”, all’Associazione “Diritti dei cittadini”, all’Associazione TSA (Tutela Salute Ambiente), all’Associazione “Pro Cappella Zi Cristofaro” e al Forum delle all’Associazioni di Poggiomarino, si propongono di rifiutare la logica dell’oblio, opponendogli quella di una concreta e urgente valorizzazione delle testimonianze di Longola, delle Tombe a Fossa, delle Ville Romane di Poggiomarino e di Terzigno. 
Read the full article here.

News article: Istituito il Club UNESCO Pompei - Area Vesuviana

From Stabiachannel.it:
Istituito il Club UNESCO Pompei - Area Vesuviana

Ieri mattina prima riunione tra i soci fondatori.

Nasce il Club UNESCO Pompei - Area Vesuviana con la prima riunione tra i soci fondatori, i cui obiettivi  sono attinenti allo sviluppo di temi e progetti rivolti a sostenere e affiancare i programmi per la conservazione e la salvaguardia del Patrimonio mondiale.  Presentate ieri mattina nella Sala Consiliare del Comune di Pompei dal Presidente Maurizio Di Stefano le linee programmatiche del neonato Club, che comprende tutta l'area riconosciuta dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità, dai siti di Ercolano, Torre Annunziata e Pompei, fino ai comuni di Boscoreale, Sant'Antonio Abate e Castellammare di Stabia.  L'impegno dei soci venuto fuori dal primo incontro è realizzare iniziative di diffusione culturale per la conoscenza della storia di Pompei partendo dalle istituzioni scolastiche  con l'obiettivo di piantare nei piccoli fruitori culturali di oggi il seme dell'amore per le proprie origini, la sete di conoscenza e comprensione della propria storia. Il Club intraprenderà iniziative finalizzate all'attuazionedelle politiche di salvaguardia, protezione, promozione ed educazione al patrimonio attraverso gli organismi e le istituzioni locali.
Continue reading here.

Thursday, 12 January 2012

Protests at Longola

Locals are protesting at the closure of the prehistoric village at Longola, Poggiomarino.

There are two other videos to watch:
Longola Interramento 2 di 3.MOD 
Longola Interramento 3 di 3.MOD
(first seen on the Pompei, arte, storia ed archeologia Facebook page)

Reviews: AJA 116.1 (January 2012)

Two reviews of interest in the latest American Journal of Archaeology 116.1 (January 2012):
Resurrecting Pompeii, by Estelle Lazer. Reviewed by Marshall Joseph Becker.
Pompeii’s Living Statues: Ancient Roman Lives Stolen from Death, by Eugene Dwyer. Reviewed by John R. Clarke,

Book: Pompei 2012 A.D

Looks like a collection of nice photos. Some examples posted below.

Carlo Mirante, Pompei 2012 D.C/A.D 

"Le strade ritornano ad essere calpestate, i carri ritornano a sfrecciare da una via all’altra, i passanti ritornano a dissetarsi alle fontanelle, i cani randagi ritornano nel vagabondare alla ricerca di cibo.
Gente, professionisti, impiegati, contadini, scolari, professori, giudici, politici, ritornano a ripopolare l’antica città.
Ieri come oggi, la città ritorna a vivere, Pompei è Viva."

Libro di 80 pagine, un tour fotografico nell'antica città distrutta dal Vesuvio, un viaggio tra le meraviglie note e non note di Pompei.

Libro acquistabile al seguente link: http://it.blurb.com/my/book/detail/2890765 in diverse edizione, dalla più economica alla più pregiata, a seconda del tipo di copertina.
Libro disponibile anche in versione eBook, iPhone, iPad.

Wednesday, 11 January 2012

Herculaneum Conservation Project website

I'm pleased to let you know that the Herculaneum Conservation Project has finally got the English side of its website online!
These things are always a bit of a compromise, so please forgive any problems with the structure of the site or unintelligible texts - we welcome any feedback you might have so that we can start making updates and make the site more useful in the future (emails welcome at hcp[at]herculaneum.org).
The site hopefully summarises most aspects of the project's work, but you might find the publications page of particular interest as we've tried to make as many articles as possible available as downloads.

Poi per i nostri amici italiani: la parte del sito in lingua italiana è stata disponibile da tempo, ma i vostri commenti sono sempre benvenuti per aiutarci a migliorare il contenuto!

Monday, 9 January 2012

Newspaper article: Niente soldi, il villaggio preistorico chiude i battenti: è polemica

From Corriere del Mezzogiorno:

Niente soldi, il villaggio preistorico chiude i battenti: è polemica

Marciano (Pd): «Argilla a coprire, e la Soprintendenza di Napoli e Pompei sta a guardare». Sos ad Ornaghi

NAPOLI - Il villaggio preistorico di Longola, a Poggiomarino, rischia di scomparire, almeno dalla «mappa» turistica dei tesori campani, dal momento che di fatto non sarà più visitabile. «La giunta regionale intervenga immediatamente presso il ministero e la Soprintendenza di Napoli e Pompei - è l'allarme di Antonio Marciano, consigliere regionale del Pd - affinchè si interrompa l'attività di copertura degli scavi del sito in corso da stamattina». Copertura, già: la mancanza di fondi per la prosecuzione degli Scavi ha indotto la Soprintendenza a deciderne la chiusura. Si è anche ben pensato di ricoprire di argilla alcune zone, una volta interrotti i lavori per mancanza di soldi, per preservare il sito. «Trovo assurdo e sconcertante - continua Marciano - che la Soprintendenza sia rimasta sorda a tutti gli appelli che in queste settimane si sono susseguiti per evitare di cancellare d'un tratto un pezzo di storia, di memoria, di antiche civiltà» dice ancora il consigliere democrat, che chiede la convocazione di una conferenza di servizi con Ministero, Soprintendenza, amministrazione comunale, Regione Campania e le associazioni del territorio che si battono per il villaggio di Longola. Idea sposata anche dal sindaco di Poggiomarino Leo Annunziata: un tavolo attorno a cui riunire tutti i soggetti istituzionali con l'obiettivo di salvaguardare il parco e la campagna di scavo.
Read the full story here.

AIA presentation in brief: In ancient Pompeii, trash and tombs went hand in hand

From University of Cincinnati news:

Trash and tombs went hand in hand in ancient Pompeii. That’s according to UC research that provides new insights into the daily life of that city before the eruption of Vesuvius in AD 79.

Cemeteries in ancient Pompeii were “mixed-use developments” with a variety of purposes that included serving as an appropriate site to toss out the trash. That’s according to findings from University of Cincinnati research at Pompeii to be presented Jan. 7, 2012, at the annual meeting of the Archaeological Institute of America by UC doctoral student Allison Emmerson. She has worked on site as part of UC’s Pompeii Archaeological Research Project.

More here, video there.

Friday, 6 January 2012

Newspaper article: Mezza Pompei sta per crollare

From La Stampa:
Mezza Pompei sta per crollare
Ecco la mappa choc del ministero.
La soprintendente: è come svuotare il mare con un secchiello

Ciò che più allarma dell’ultimo crollo a Pompei è che la Domus di Loreio Tiburtino, di cui il 22 dicembre ha ceduto un pilastro del pergolato esterno, non è nemmeno tra quelle considerate più fragili. Emerge dalla «Carta del rischio archeologico», realizzata nei mesi scorsi dalla soprintendenza e inviata al ministero dei Beni Culturali. Una mappa divisa in tre colori: rosse le zone a rischio crollo alto (oltre il 50% delle possibilità), azzurre a rischio medio (intorno al 50%), gialle a rischio basso (sotto il 50%). Secondo una stima della stessa soprintendenza, «l’area messa in sicurezza è passata dal 14 per cento degli anni ‘90 al 31 per cento del 2010».

La Domus di Loreio Tiburtino è situata nella parte relativamente più sicura, a est verso l’anfiteatro, contrassegnata dal colore azzurro e circondata da ampie aree gialle. Eppure ha ceduto. Per questo rappresenta un paradigma della fragilità di Pompei. Spiega la soprintendente Teresa Elena Cinquantaquattro: «Non c’erano indizi sui pilastri. È la malta che ha perso forza legante e si è sciolta. Si tratta di fenomeni invisibili e imprevedibili. Se vedi una fessura dici: è a rischio. Invece se collassa, te ne accorgi solo dopo».

Read the full article here.

Book: The Life and Work of Francis Willey Kelsey

A biography of Francis W. Kelsey who translated August Mau, Pompeji in Leben und Kunst (Pompeii. Its life and art;1899).

John Griffiths Pedley, The Life and Work of Francis Willey Kelsey. Archaeology, Antiquity, and the Arts, Ann Arbor, The University of Michigan Press, 2011.
6 x 9. 480 pgs. 30 B&W photographs, 7 line art. 2011. Cloth 978-0-472-11802-1 ; Ebook 978-0-472-02805-4. $75.00
More here from the publisher's website. Also available from Amazon US and Amazon UK.

Newspaper article: Italy allows Unesco into Pompeii

The Roman city risks joining the World Heritage in Danger list
Pompeii is in crisis. A Unesco report has identified serious problems with the World Heritage Site, including structural damage to buildings, vandalism and a lack of qualified staff. Unesco’s director-general for culture, Francesco Bandarin, tells The Art Newspaper: “The state of conservation is a problem, because of a lack of maintenance of very fragile structures. Visitor services need a dramatic improvement".
More here.

Wednesday, 4 January 2012

AIA Philadelphia

The APA/AIA is almost upon us again, and as usual there are a bunch of Pompeii-related sessions and papers:

Friday 6th January, 8:30 a.m.–11:30 a.m: 1F Gold Medal Session: Monuments and Topography: Pompeii and Rome
9:20 Some Roman Architectural Influences at Pompeii. John J. Dobbins, University of Virgina (15 min.)
10:30 The House of Sallust, 1970–1971, 2005–2011: Excavations and Some Surprising
Results. Anne Laidlaw, Johns Hopkins University (15 min.)
10:50 Lawrence Richardson, jr. and the Painters of the Pompeian Fourth Style. Eleanor W. Leach, Indiana University (15 min.)
11:10 The Nymphaeum in the Praedia Iuliae Felicis in Pompeii. Christopher Parslow, Wesleyan University (15 min.)

Saturday 7th January, 12:30 p.m.–2:30 p.m: 5A Pompeii and Ostia
12:30 Unpacking Construction Fill: Archaeological Formation Processes of Activity,
Refuse, and Construction in an Urban Environment. W. Flint Dibble, University of Cincinnati (15 min.)
12:50 Repopulating an “Abandoned” Suburb: The Case of Pompeii’s Tombs. Allison Emmerson, University of Cincinnati (20 min.)
1:15 Toward A Social Network Analysis of Pompeian Wall Painting. David Fredrick, University of Arkansas, Keenan Cole, University of Arkansas, Jackson Cothren, University of Arkansas, Russell Deaton, University of Arkansas, Frederick Limp, University of Arkansas, and Jasmine Merced, University of Arkansas (20 min.)
1:35 Break (15 min.)
1:50 Urban Layout as an Agent of Romanization: A Comparison of Urban Space at
Ostia, Pompeii, Silchester, and Empúries. Alan Kaiser, University of Evansville (15 min.)
2:10 Stratigraphic Analysis and the Economics of Reuse at Later Ostia: Field Study of the Palazzo Imperiale, 2011. Joanne M. Spurza, Hunter College, City University of New York (15 min.)

The full programme is available here.

Employment in Pompeii: arrivano i rinforzi

From the Corriere del Mezzogiorno:
Nuovi «rinforzi» per la salvaguardia di Pompei. Tredici archeologi, nove architetti e un funzionario amministrativo, sono arrivati in Campania per rafforzare l'organico della locale Soprintendenza nella tutela degli scavi.
More here.

Tuesday, 3 January 2012