Thursday, 9 July 2009

Reperti scavi vesuviani in camera climatizzata

This from AGI News:

'Erbe, semi, frutti, legno, frammenti di tessuti, ossa e denti di animali, corna e conchiglie provenienti dalle antiche citta' sepolte dal Vesuvio con l'eruzione del 79 d.c. in particolare, prima conservati nei depositi del Museo archeologico di Napoli, tornano a Pompei per essere ospitati in un' apposita camera climatizzata presso il laboratorio di Ricerche applicate della Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei. Il laboratorio, inaugurato nel 1994, e' uno delle strutture d'avanguardia della Soprintendenza. Nella sua camera climatizzata dal 1995 sono stati raccolti una parte dei reperti naturalistici portati alla luce a partire dal 1950 e conservati nei depositi di Pompei ed Oplontis e una campionatura di quelli conservati ad Ercolano. I reperti, soprattutto quelli vegetali, ritrovati nelle aree vesuviane sono soggetti a carbonizzazione in taluni casi biologica, in altri casi da combustione, a seconda delle caratteristiche delle diverse coperture piroclastiche che li hanno conservati, non tollerano sbalzi di temperatura e di umidita' e devono essere costantemente conservati ad una temperatura di 18 gradi centigradi e con il 35% di umidita'.

1 comment:

Michael Herchenbach said...

The laboratory is situated at VI.17.27. One of the rooms of the laboratory was remodelled in order to keep the new collection from Naples.

Related Posts with Thumbnails